Dodecanneso Settentrionale

kos-pserimos-leros-lipsi-patmos-kalimnos-nera-kos

Vacanze in barca a vela Grecia Dodecanneso Settentrionale

LINK UTILI

Per qualsiasi altra informazione visitate una delle pagine qui sopra

Se vuoi fare una vacanza in barca a vela in Grecia, il Dodecanneso settentrionale è sicuramente uno di quei gruppi di isole da visitare. Uno specchio di mare accarezzato dal Meltemi, spiagge e scogli sparsi nel blu, raggiungibili solo via mare con brevi e divertenti navigazioni. Coste frastagliate con un’ampia scelta di baie e rade tranquille dove dar fondo all’ancora per bagnarsi in acque turchesi. Paesini solitari e porticcioli autentici dove è ancora possibile trovare l’atmosfera della Grecia più antica. Il periodo migliore per trascorrere una vacanza in barca a vela in questo arcipelago è senza dubbio la tarda primavera e l’inizio dell’estate. In questi mesi le giornate sono lunghe, il vento è una piacevole brezza e ovunque regna una dimensione sorprendentemente tranquilla. Ed è fra questi splendidi luoghi che Aqualung navigherà dalla metà di maggio alla fine di giugno. Di seguito potrete leggere l’itinerario di massima che Greciaavela propone con imbarco e sbarco a Kos.

Appuntamento nel pomeriggio per l’imbarco nella vivace cittadina di Kos. In serata visiteremo l’antica fortezza veneziana, l’incantevole piazzetta  dove si trova il platano di Ippocrate, per poi gustare la tradizionale cucina di pesce alla taverna di Angelica.  Lunedì mattina raggiungeremo la vicina Pserimos dove trascorreremo la prima notte all’ancora sulle trasparenti acque nella baia di Vathy. Martedì, in bolina mure a sinistra, navigheremo fino a trovare ridosso nel profondo fiordo sulla costa orientale di Kalimnos e  in serata approderemo nella “italica” cittadina di Leros. Irrinunciabile la cena nella tipica taverna da “Petrino” che offre squisiti arrosti misti di carne. Martedì ci bagneremo fra gli isolotti “caraibici” di Arcangelos e  prima di sera daremo volta alle cime d’ormeggio nell’incantevole porticciolo di Lipsi. Il mattino seguente nuoteremo nelle cristalline acque fra gli scogli di Macronisi e  dopo uno spuntino veleggeremo fino a Skala, il porto principale di Patmos. Una passeggiata lungo la vecchia mulattiera ci condurrà alla splendida Chora dove visiteremo il monastero-fortezza di San Giovanni. Il monastero appare come un maestoso castello che sovrasta il paese e dalla cui sommità domina tutto il Dodecanneso settentrionale. Più a sud incontreremo una delle isole più autentiche dell’Egeo: Kalimnos. La vista delle sue coste alte e frastagliate ci lascerà senza fiato; nella parte meridionale, a pochi metri dalle sue coste, sosteremo a Nera, una stupenda “roccia emersa” quasi sconosciuta. Giunti in porto, saremo accolti dai numerosi vascelli kalimnioti che nella bella stagione si spingevano in tutto il Mediterraneo centrale per raccogliere le spugne migliori. Sabato, prima di rientrare sull’isola di Ippocrate, faremo una sosta a sud dell’isolotto di Plati le cui bianche scogliere si tingono di verde smeraldo per il riflesso del mare. Nel primo pomeriggio, sospinti dal Meltemi, rientreremo a Kos per passare una serata divertente fra i vicoli vivaci e le taverne che offrono ouzo e metaxa fino a tarda notte.