Dodecanneso Meridionale

rodi-loryma-symi-tilos-chalki-alimnià-rodi

Vacanze in barca a vela Grecia Dodecanneso Meridionale

LINK UTILI

Per qualsiasi altra informazione visitate una delle pagine qui sopra

E’ davvero una  grande emozione entrare, magari al tramonto dopo una piacevole veleggiata, nell’antico porto di Rodi. Al Mandraki, un tempo svettava, appoggiato agli estremi dei moli di ingresso, la gigantesca statua del Colosso che rappresentava il dio Helios. Oggi, all’ingresso del piccolo porto, un cervo e una cerbiatta in bronzo, posti sulla sommità di due colonne, accolgono i naviganti. Immediatamente si viene proiettati in un’atmosfera medievale al cospetto dell’imponente castello dei Cavalieri di San Giovanni. Dai bastioni della vecchia città si può ammirare la costa della Turchia che nelle giornate terse è ben visibile ed è lì che approderemo all’inizio del nostro viaggio. Le isole che compongono il Dodecanneso meridionale si trovano nella parte sud-orientale del Mar Egeo e hanno un clima mediterraneo temperato, anche nei mesi più caldi, grazie al fresco Meltemi. Il vento dell’Egeo che secondo il mito si è originato in seguito all’assassinio di Icario, soffia costantemente da maggio a ottobre rendendo le giornate limpide e sempre illuminate dal sole. Il periodo migliore per trascorrere una vacanza in barca a vela in Grecia, in questo arcipelago, va dalla metà di aprile alla fine di giugno. In questi mesi si può godere di un cielo sempre sereno e un’atmosfera piacevolmente rilassante, fuori dalla confusione dell’alta stagione turistica. Il Dodecanneso Meridionale è da sempre terra  d’incontro fra le genti del Mediterraneo, teatro di antichi e moderni traffici tra Oriente ed Occidente. Una regione immersa nel blu profondo e scrigno di paesaggi di grande bellezza, spiagge dorate, paesini colorati e acque turchesi. Fra queste incantevoli meraviglie Aqualung propone le sue crociere in barca a vela con imbarco a Kos, sbarco a Rodi e viceversa. Ciò che segue è uno degli itinerari di massima che  Grecia a vela propone fra le sue crociere in barca a vela in Grecia:

 

La domenica pomeriggio, dopo le operazioni d’imbarco ceneremo alla Taverna “Stenò” da Elias che ci delizierà con le tipiche “mezedes” (assaggi) greche, poi, passeggiando fra i vicoli all’interno delle antiche mura di Rodi, scopriremo gli angoli più suggestivi della città dove è possibile bere un ouzo o una metaxa fino all’alba.

Lunedì mattina il vento ci accompagnerà, in bolina mure a sinistra, verso nord-est fino a lambire le coste della Dacia in Turchia dove troveremo ormeggio nella baia di Loryma. Sul pontile di legno ci accoglieranno Bekir e Saddam per trascorrere una deliziosa serata nell’accogliente taverna sospesa sul mare che offre ottimi piatti della cucina ottomana. Il mattino seguente ci farà visita Akgül sulla sua piccola imbarcazione per proporci delle insolite mercanzie, una signora graziosa e gentile che trascorre l’inverno nel vicino villaggio di Bosburum a cucire camicie di cotone, futa e parei. Mollati gli ormeggi, allontanandoci dalla profonda baia di Bozuk Buku, navigheremo al traverso mure a sinistra fino a trovare riparo nella abbagliante insenatura di Agios Georgios, sulla costa orientale di Symi. In fondo alla baia, che ha la forma di un antico teatro greco, si staglia una spiaggia semplicemente spettacolare. Sopra la sua sabbia svetta una parete rocciosa alta più di 300 metri che precipita sul mare. In serata ormeggeremo nella cittadina di Symi dai colori pastello. Uno degli approdi più suggestivi di tutta la Grecia dove le case variopinte arrivano a sfiorare il mare turchese, una cartolina indimenticabile per chiunque abbia la fortuna di visitare questa perla incastonata fra le braccia della Dacia. L’itinerario continuerà verso ovest-sudovest, 18 miglia nautiche per scoprire un angolo di paradiso sulle coste di Tilos: gli scogli di Gaidaros. Il paesaggio è impervio con una vegetazione bassa e arida incollata alle pareti a strapiombo che si riflettono nello “specchio” d’acqua sottostante. Ancora poche miglia più a sud ci accoglierà una delle spiagge più belle del Dodecanneso nell’isola di Chalki: Pondamos. Questo spicchio di luna dista poche centinaia di metri dal paese in cui regna una quiete e una semplicità che ci riporterà ad un passato lontano in cui tutto era scandito dal ritmo della natura. E’ il luogo ideale per passeggiare fra le graziose casette che rubano i colori al mare, fra il labirinto di vicoli e scalini che formano un presepe da sogno. Sabato mattina ci muoveremo tre miglia più ad est per fare colazione ancorati nel sud di Alimnià. Poi, nel primo pomeriggio, con il favore del vento, giungeremo a Rodi mentre a poppa della nostra imbarcazione il sole che tramonta infiamma l’orizzonte di un rosso indimenticabile.